Chi Siamo Iscriviti Archivio L'Esperto risponde Archivio SOle 24 Ore Odontoiatria  
Scarica Allegato: Scarica il programma del Convegno

Tutti insieme per la salute globale: da domani il convegno FNOMCeO sul volontariato
[giovedì 3 ottobre 2013]

Cosa significa “Salute Globale”? E come commisurare il diritto di tutti all’assistenza sanitaria con Sistemi dalle risorse sempre più limitate? Come conciliare, infine, la riduzione delle diseguaglianze con la tutela delle diversità?

Se lo chiederanno, per la prima volta riuniti tutti insieme, gli Enti, le Istituzioni, le Organizzazioni non governative, militari, religiose che si occupano di Cooperazione  Sanitaria Internazionale, che il 4 e 5 ottobre confluiranno a Roma, presso l’Auditorium del Ministero della Salute, per partecipare al Convegno: “Promozione della Salute e Cooperazione internazionale: la Fnomceo per il volontariato medico e la collaborazione tra le istituzioni”.

“Il tema della tutela  della Salute Globale – afferma Maurizio Benato, vicepresidente Fnomceo e, insieme al presidente Amedeo Bianco, promotore dell’evento - ha fortissime implicazioni umane e sociali, tali da  rendere ineludibile un confronto con la dimensione etica relativa al ruolo politico e alla responsabilità della  Professione medica, ma non solo”.

“Faccio  riferimento – continua - a una visione della Salute che va ben al di là della realtà medica, richiamando scenari in cui principali attori in gioco sono le Istituzioni locali, nazionali e internazionali, i Governi, le Associazioni della società  civile,  e soprattutto i Cittadini comuni. Con un unico filo conduttore: quello dell'affermazione della Salute come un diritto universalmente sancito e riconosciuto”.

E nessuno dei protagonisti coinvolti nella tutela della Salute Globale - il ministero della Salute, quello dell’Integrazione, quello degli Affari Esteri; ancora, gli Ordini e i Collegi professionali sanitari, le Organizzazioni di Volontariato, l’Istituto Nazionale per la Promozione della Salute delle Popolazioni migranti, i medici specializzandi, quelli pensionati, quelli stranieri, l’Enpam, l’Onaosi, le organizzazioni di cooperazione internazionale militari e religiose -  è voluto mancare all’appuntamento.     

Si tratta di una pietra miliare del percorso che la Fnomceo ha da tempo intrapreso, con i due manifesti di Padova – quello del 2007 sul Multiculturalismo e quello del 2008 sulla Salute Globale – e poi con il progetto “Cooperazione internazionale: la Salute Globale e la tutela della Salute nei paesi in via di sviluppo”.

 “Con la “Carta di Padova” del 2008 – spiega Benato - il Consiglio Nazionale della Fnomceo ha riconosciuto la  tutela della Salute nella sua dimensione globale quale “diritto umano fondamentale”, e “propulsore di uno sviluppo economico durevole, favorente la riduzione delle disuguaglianze”.

 “Ora, con questo incontro – conclude – vogliamo promuovere  azioni politiche concrete che garantiscano equità, accessibilità, qualità e adattabilità degli interventi sanitari, laddove povertà ed esclusione sociale si sommano allo svantaggio della malattia”.

Ad aprire i lavori del Convegno sono stati chiamati il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e quello dell’Integrazione, Cécile Kyenge.

 

A cura di: Ufficio Stampa FNOMCeO


Riproduzione vietata Ritorna alle notizie
Aiutaci a mantenere viva l'informazione de ildentale: abbonati

 
Questo sito utilizza cookie di profilazione propri e di altri siti per inviare all'utente comunicazioni commerciali in linea con le preferenze manifestate durante la navigazione.
AVVISO: D-Press sas informa che, accedendo al sitowww.ildentale.it l'utente acconsente all'uso dei cookies per le finalità sopra indicate.
Registrazione al Tribunale di Asti n 7 del 3 novembre 2008 – proprietà D-Press sas PI:01362010058 redazione@ildentale.it